Category Archives: EIPCO

Excerto sobre as Frentes Populares do livro do KKE “Assuntos teóricos sobre o programa do Partido Comunista da Grécia (KKE)”

“A ascenção do fascismo numa série de países teve múltiplos impactos no movimento comunista e na IC (Internacional Comunista, Comintern).

Sucederam grandes preocupações acerca da interpretação deste fenómeno e da confrontação com ele por parte do movimento comunista em condições de crise económica capitalista e durante a intensificação dos preparativos para uma nova guerra imperialista em simultâneo ao agudizar das contradições imperialistas. Porém, os imperialistas tinham como seu objectivo comum o esmagar da União Soviética. As forças fascistas deram à sua orientação política um carácter intensamente anti-comunista, quando apelidaram o tratado entre a Alemanha e o Japão como o «Tratado Anti-IC».

Preocupações e discussões desenvolveram-se dentro dos quadros da IC que também foram registados por alguns historiadores da IC (aqueles que participaram dentro da sua estrutura). O ponto de vista dominante foi aquele que diz respeito a formar uma Frente Popular (FP) ampla e anti-fascista que poderia alcançar o governo através do parlamento de forma a evitar a ascenção de governos fascistas e ao mesmo tempo isto poderia evitar a concentração das forças mais agressivas contra a URSS.

Reflectindo o debate dentro da estrutura da IC, as resoluções do seu 7º Congresso (1935) trouxeram certas «salvaguardas» nomeadamente (id est) que a formação de um governo de Frente Popular seria o resultado da agudização da luta de classes, etc.
Contudo, na prática, estas resoluções abriram o caminho para acordos incondicionais com partidos sociais-democratas e burgueses, para um apoio acrítico a governos burgueses no contexto da guerra imperialista e, apesar da oposição do Comité Executivo da IC, para começarem a acontecer discussões a respeito da unificação dos Partidos Comunistas com os Partidos Sociais-Democratas, etc.

A experiência prática demonstrou que política das Frentes Populares não podia nem confrontar a ascenção do fascismo nem impedir a guerra.”
Fontes: Blog In Defence of Communism e site internacional do KKE

Advertisements

Tese do Partido Comunista Operário Russo no 18º EIPCO

Theses of the report at the 18th International Meeting of Communist and Workers Parties held on the 28-30 of October 2016 in Hanoi, under the theme “Capitalist crisis and imperialist offensive – Strategy and tactics of the Communist and Workers’ Parties in struggle for peace, workers’ and peoples’ rights, socialism”, October 28-29, 2016.

Dear comrades in arms,

Let me greet all participants of the 18th IMCWP on behalf of Russian Communist Workers’ Party. Let me express our special greetings to the host of the meeting, to the glorious Communist Party of Vietnam.

 

  1. Our party originates from CPSU. It was found by those communists that overtly resisted Gorbachev and his course in CPSU. First of all we struggled against the movement towards market economy, i.e. towards Capitalism. At the XXVIII Congress of CPSU (1990) in the statement of minority we warned both the party and the people that “the transition to market as a universal system including the markets of capital and labour would mean inevitable sliding down to the growth of capitalist relations. A forced treatment of Socialism with Capitalism carried out contrary to objective processes would not bring increase of production and the improvement of the level of life, but is likely to cause their inevitable fall, to provoke a wide social protest, would lead to heavy suffering of the people…

 

The party cannot perform Perestroika that has led to serious deterioration of the people’s lives. As to regards Communist party – it is not going to survive this shock and there will be left nobody to defend the goals of the movement”.  

 

This took place under conditions when both Gorbachev and the majority of other representatives of the political elite paid lip service to the ideas of Communism , called themselves Marxists, camouflaged their line of actions by the references to restoration of Lenin’s rules of party life, constructed Socialism with human face. I.e. we know (I can claim that we know this best of all) how all this happened and why CPSU (of Gorbachev) crashed and why USSR was destroyed.

 

If we wanted to answer very briefly to the question why Soviet power and CPSU were defeated, we would answer as follows: because the power wasn’t Soviet any longer and the party wasn’t communist.

 

  1. In 2017 there will be centenary of the Great October Socialist Revolution . We’ve all been busy reflecting how to mark this date and how to celebrate it. Sure that we shall mark this day, whereas there nothing special to celebrate as we are in the state of temporary defeat of October Revolution in its Motherland, i.e. we’ve been retreating. The best way for communists to mark this anniversary would be to review and reconsider honestly the fate of their movement in the last century. We should start with the recognition of the fact that communists didn’t always win in their struggle for masses, and that they have been defeated by counterrevolution by this day. We should answer the questions who or what has won, why we were defeated. Was this defeat the final and irreversible event or is this a temporary defeat and the struggle will go on? To put it brief: we should make conclusions from our mistakes. It’s not for nothing that Lenin said “Nothing can destroy us apart from our own mistakes.

 

  1. If we consider modern communist movement as a whole we’ll have to confess that the lessons haven’t been learnt. We are of the opinion that nowadays opportunism and revisionism have turned from an internal product of communist movement, from a set of biases and errors into a powerful weapon in the hands of Imperialism. The right bias hasn’t gone away with Gorbachev and the destruction of USSR and CPSU in 1991

 

In Russia the line of Gorbachev is being followed by the party with communist name. The main features of their politics are as follows:

– it’s claimed that the limits for revolutions are up – the country cannot afford any more revolutions;

– it’s not only the concept of proletarian dictatorship that is rejected, but the concept of organized class struggle is rejected as well;

– parliamentarism is recognized as the power of people;

-.adherence to the model of market Socialism;

– support of Russian Orthodox Church, claims regarding its allegedly positive role in the development of people’s spirituality etc.

This is a typical occurrence in the communist movement of the world. To put it simple: there has been taking place the adaptation of the parties to the system of Capitalism while presenting themselves as parliamentary defenders of people’s rights.

 

  1. This right-wing transformation of communist parties leads to removal of masses from real political participation. Their role is thus limited to the functions of electorate who give their votes to party leaders in the course of elections. Strategy of victory by such opportunistic party reads as follows: they promise working people a success achieved in the course of coming election, whereas political struggle of masses is limited to the struggle for “honest” elections. Such focusing on parliamentary activities only is well remunerated by governments. One of the most typical examples of this occurrence is represented by European Left. These parties don’t recognize any extra-parliamentary forms of struggle, or pay them lip service only while actually hampering them.

 

  1. We cannot say that there is such thing as the unity of modern communist movement worldwide. One could start with our inability to adopt a joint statement – so great are the differences. Let me bring an example. Chairman of Peoples Republic of China Xi Jinping when meeting with Putin in the course of the BRICS summit in India in October congratulated Russian President on the victory of the party United Russia in the course of parliamentary elections: “Recently there have successfully taken place elections to the new State Duma. Party United Russia has achieved a convincing victory, and this creates solid and firm political foundation for stable development of Russia in the future”.

In fact he congratulates Putin on strengthening of anti-communism, anti-sovietism and capitalism. No comment.

 

 

  1. The successes of China in development of economics are very much impressing and are the reason for big respect. Nevertheless this doesn’t mean a success in the construction of Socialism. There is an interesting example of how Lenin treated similar issues:

 

In the draft program prepared for the II Congress of RSDRP the aims of socialist production were described as “planned organization of social production process aimed at satisfaction of the needs both of whole society as well as of individual needs”.  V.I. Lenin objected to such wording: “it’s not accurate. Such satisfaction can be provided by capitalism as well, the difference is that is not granted to all members of society and is not equal”. In the end of the day Lenin managed to change the draft program in the following way: “social revolution of proletariat will destroy the class division of society and liberate the whole oppressed mankind by way of replacing private property for means of production and turnover by the socialized one and introducing planned production process in order to ensure wellbeing and versatile development of all members of society.

Nowadays People’s Republic of China has the second largest number of billionaires in the world whereas Russia is the third. I think that both countries are equally far from the classless society – from communism.

 

  1. The goal of Socialism is not limited to proclaiming the power of working people at all, the goal is to ensure that working people should have real practical possibility to perform this power. From our point of view the experience of Soviets should be studied and used by all parties. Soviets are the most adequate form of realization of people’s power, organizational form of proletarian dictatorship. The main point is the participation of working masses in the struggle. Initially this should be the issue of taking power, later under Socialism this is their participation in performing the dictatorship of proletariat. Lenin saw it as a universal participation in the control over state… Soviet power is built on the basis of industries – based on plants and factories.

 

  1. We, RCWP are going to celebrate the centennial anniversary of October Revolution by seeking new ways to develop the struggle. We’ll invite these parties that hasn’t used up their limits for revolutions, that extend their recognition of class struggle up to the recognition of proletarian dictatorship and whose practical activities are based upon workers movement. We in Russia have been attempting the tactics of creating Workers Front.

We see our task in preserving the Marxist-Leninist part of political theory and practice for the sake of future of communist movement that nobody will be able to extinguish.

We lived under Socialism and know for sure that the relations between people were much better, fairer, more unpolluted and honest, much more human. This is something to struggle for!

 

Let’s not falter on our chosen way!

Fonte: RKRP.ru

Declaração conjunta de solidariedade com o Partido Comunista Grego (KKE)

kke28592236573_n

Nota: Recordando esta declaração histórica de Julho de 2015.

Sábado, 25 Julho 2015

Nós, Partidos Comunistas e Operários, estamos atentos aos acontecimentos na Grécia, a ofensiva da União Europeia, do capital e de seus representantes políticos contra os direitos trabalhistas e populares.

Nossos partidos têm apoiado as lutas dos trabalhadores gregos e têm expressado sua solidariedade internacionalista e seu apoio à luta do KKE.

Durante muitos anos, os governos do ND e PASOK, em cooperação com a União Europeia, o Banco Central Europeu e o FMI, têm aplicado memorandos e duras leis antipopulares com dolorosas consequências para a classe trabalhadora e os setores populares.

Hoje, o acordó antipopular, o terceiro memorando, que foi firmado pelo governo SYRIZA-ANEL, e apoiado pelo ND e PASOK, com a Troika, mantém as medidas antipopulares dos governos anteriores e impõe novos fardos aos trabalhadores da Grécia, impostos insuportáveis, a abolição dos direitos trabalhistas e da segurança social, as reduções nos salários e nas pensões, privatizações, etc., piorando ainda mais a situação das famílias e das camadas populares.

Estes acontecimentos nos permitem extrair algumas conclusões úteis para fortalecer a luta popular:

– o capitalismo não pode ser humanizado. Gera crises, desemprego e pobreza. Na realidade, tem demonstrado que toda gestão do sistema agrava os problemas do povo e incrementa os benefícios do grande capital.

– a UE é uma organização reacionária e imperialista. A “democracia”, a “solidariedade” e a justiça social não são compatíveis com sua proposta.

Os Partidos Comunistas e Operários que assinam essa declaração apreciamos a decidida e consequente posição do KKE junto à classe trabalhadora e ao povo grego pela abolição dos memorandos, contra o acordo antipopular firmado pelo governo SYRIZA-ANEL (e o restante dos partidos políticos burgueses) com a Troika (UE-BCE-FMI).

Nossos partidos saúdam a luta dos comunistas da Grécia pelos direitos trabalhistas e populares, pela derrubada da barbárie capitalista e pelo socialismo.

Assinam:
1. PC da Albânia
2. Partido Argelino pela Democracia e Socialismo (PADS)
3. PC da Macedonia (ARYM)
4. PC da Australia
5. Partido do Trabalho da Austria
6. PC de Bangladesh
7. PC dos Operários da Bielorrusia
8. PC Brasileiro
9. Polo Comunista Luiz Carlos Prestes – Brasil
10. PC da Bretanha
11. PC da Bulgaria
12. Partido dos Comunistas da Bulgaria
13. União de Comunistas da Bulgaria
14. PC do Canadá
15. PC na Dinamarca
16. PC da Eslovaquia
17. PC dos Povos da Espanha
18. Movimento Galego ao Socialismo
19. Primeira Linha, Galícia
20. Partido dos Comunistas EUA
21. Organização Socialista Caminho da Liberdade (FRSO) – EUA
22. PC das Filipinas – 1930
23. Partido Comunista Operário da Finlandia
24. Polo de Renascimento Comunista na França
25. PC Unificado de Georgia
26. PO Húngaro
27. Partido dos Trabalhadores da Irlanda
28. PC, Italia
29. Movimento Socialista do Kazaquistão
30. PC de Luxemburgo
31. PC de Malta
32. PC de México
33. PPS de México
34. Novo PC dos Países Baixos
35. PC da Noruega
36. Partido Comunista do Paquistão
37. PC Palestino
38. PC da Polonia
39. PC de Puerto Rico
40. Partido Comunista da Federação Russa
41. PC Operário Russo
42. PC da União Soviética
43. Novo Partido Comunista da Yugoslavia
44. Partido Comunista Sirio
45. PC Sul-africano
46. PC da Suecia
47. PC (Turquía)
48. PC da Ucrania
49. União dos Comunistas da Ucrania
50. PC de Venezuela

Tradução: Polo Comunista Luiz Carlos Prestes (PCLCP)

Movimento Comunista Internazionale: serve l’Unità Ideologica, Politica e Organizzativa

initiative_logo_shmaia

25 de Janeiro de 2015

Il Movimento Comunista Internazionale sta attraversando una fase di debolezza ideologica, politica e organizzativa, che mette in forte pericolo la sua capacità di guidare la crescente insofferenza delle masse popolari nei confronti del dominio del capitale, il conflitto di classe e la resistenza sociale alla ristrutturazione capitalistica verso uno sbocco rivoluzionario e socialista.

Gli ultimi Incontri Internazionali dei Partiti Comunisti e Operai (IMCWP) hanno evidenziato divergenze tra i Partiti, in merito non solo alla strategia e alla tattica della lotta per il socialismo-comunismo, ma anche alla storia del Movimento Comunista, che rischiano di travalicare i limiti del legittimo dibattito per trasformarsi in polemiche e vere e proprie divisioni. Il Movimento Comunista ha già conosciuto in passato questo problema. Queste divisioni si sono sempre tradotte in un indebolimento del Movimento Comunista e del fronte antimperialista, anche quando il Movimento era ben più forte di quanto non sia oggi.

Per queste ragioni, il nostro Partito ritiene indispensabile affrontare in tempo utile questo pericolo, individuandone le cause e cercando di trovare i mezzi per neutralizzarlo, prendendo lo spunto proprio dalle posizioni assunte a tal merito da alcuni Partiti Comunisti dopo il 15° IMCWP.

La temporanea vittoria (in termini storici) della controrivoluzione in URSS e la conseguente scomparsa del campo socialista ha rappresentato senz’altro il punto apicale del processo di indebolimento del Movimento Comunista. Il nostro Partito ha da tempo acquisito come questo avvenimento, di per sé tragicamente negativo, sia stato determinato dal fallimento del revisionismo di Khruschev e dei suoi successori, non dall’inadeguatezza del socialismo in quanto tale, come concepito originariamente in URSS da Lenin e Stalin. In altre parole, la controrivoluzione ha sconfitto non il socialismo, ma una sua degenerazione revisionista. Ciò ha fatto emergere alla luce del sole, analoghe e parallele mutazioni “genetiche”, snaturamenti di classe e processi degenerativi già in atto da tempo in alcuni Partiti Comunisti, accelerandone la trasformazione in soggetti politici di chiara matrice socialdemocratica o, in altri casi, addirittura lo scioglimento.

L’arretramento del Movimento Comunista, pertanto, non origina dalla scomparsa dell’URSS, ma si consuma con questa, essendo invece causato da quelle stesse deviazioni revisioniste, riformiste e opportuniste, già in atto al suo interno, che hanno portato alla controrivoluzione.

L’eurocomunismo, una delle peggiori forme di revisionismo del XX° secolo, anche se consegnato alla pattumiera della storia, ha lasciato comunque una pesante eredità: l’opportunismo di destra, che ha infettato, particolarmente ma non solo, proprio i partiti di quei paesi da cui originava: il PCF in Francia, il PCE in Spagna, PRC ed altri in Italia.

Questi partiti, insieme a SYRIZA (Grecia) e PDS (Germania), costituiscono la spina dorsale del Partito della Sinistra Europea (PSE). Rimossi i principi fondativi del marxismo-leninismo, cioè la ragione stessa dell’essere e chiamarsi Partito Comunista, gli opportunisti di destra che fanno parte del PSE hanno abbandonato addirittura qualsiasi annacquata prospettiva di superamento del capitalismo. Assimilati dal sistema, privi di autonomia teorica e di progetti di trasformazione radicale, si limitano a proporre riforme, limitate quanto utopiche, che di fatto propongono miglioramenti gestionali del sistema esistente con, al massimo, qualche strumento per mitigare l’impatto della crisi capitalistica sulla classe operaia e le masse popolari. In sostanza, curare i sintomi, non la malattia: un impossibile “capitalismo dal volto umano” con qualche “antidolorifico” per lenirne l’asserita “disumanità”. La tattica, ovviamente rigorosamente parlamentaristica, non può che passare attraverso la partecipazione, di larga minoranza, ai governi borghesi e alle coalizioni elettorali genericamente “di sinistra”, sotto l’egemonia della ben più forte socialdemocrazia; o anche con un grado di autonomia fittizia da un punto di vista delle coalizioni elettorali, che si sostanzia però sempre con una subalternità politica alla grande famiglia del socialismo riformista europeo.

La complicità del PSE con le politiche antioperaie e antipopolari dell’UE, il sostegno più volte fornito ai piani aggressivi dell’imperialismo europeo ai danni di Iraq, Libia, Siria e Ucraina attraverso il voto e le dichiarazioni del GUE, il suo braccio al Parlamento Europeo, la sua concezione stessa di riformabilità del capitalismo e non della necessità del suo abbattimento, rendono oggettivamente impossibile per un Partito Comunista serio qualsiasi forma di collaborazione e unità d’azione con il PSE e i partiti che ne fanno parte.

Per questo il nostro Partito condivide e sostiene pienamente la scelta del KKE di uscire dal GUE. Non si tratta di una posizione settaria e chiusa, come qualcuno ha voluto insinuare, bensì dell’esigenza di smarcarsi e differenziarsi da un gruppo parlamentare dominato dagli opportunisti di destra, per non rendersi complici del tradimento degli interessi di classe, perpetrato con l’avallo delle politiche antipopolari e imperialiste dell’UE.

Quanto diciamo a questo proposito non sottovaluta assolutamente l’esigenza di coniugare dialetticamente la difesa degli interessi quotidiani della classe operaia e dei lavoratori, la rivendicazione di obiettivi immediati, di breve o medio termine, con la prospettiva del rovesciamento rivoluzionario del capitalismo e dell’instaurazione di una società socialista. Riteniamo, al contrario, che ogni conquista strappata al capitalismo sul piano dei salari, dei servizi, dei diritti dei lavoratori, ma anche ogni espansione della democrazia, sia pure formale, oltre che rispondere ad esigenze vitali della classe operaia e del popolo, contribuisca a fare emergere nuove contraddizioni e a far progredire lo scontro di classe.

Siamo tuttavia coscienti del fatto che, in assenza di un rivolgimento rivoluzionario in direzione del socialismo, qualsiasi conquista in tal senso assume carattere di transitorietà, precarietà e volatilità, sempre ammesso che sia acquisibile nell’ambito di questo sistema.

Inoltre, un programma di breve termine, che fissi obiettivi in linea sia con i bisogni immediati della classe operaia che con la prospettiva rivoluzionaria, è lo strumento che permette di effettuare il primo passo per elevare il senso comune, gramscianamente inteso, a coscienza di classe, per trasformare il singolo operaio in un membro cosciente della classe operaia. Questo, tuttavia, non deve offuscare l’aspetto strategico a più lungo termine, rimuovendolo e sostituendosi ad esso. Il problema è duplice: occorre garantire che l’obiettivo immediato, raggiungibile nell’ambito di questo sistema, non finisca per prevalere sull’obiettivo finale, offuscandolo e rimuovendolo; occorre evitare una visione gradualistica, per tappe intermedie, del processo di transizione al socialismo che, negando l’aspetto traumatico, dirompente, della trasformazione rivoluzionaria, identifichi il processo di cambiamento con il semplice progressivo raggiungimento, ammesso che sia possibile, dei soli obiettivi minimi.

Nell’esperienza italiana dal dopoguerra in poi, entrambe queste precauzioni sono venute a mancare. Il concetto di “democrazia progressiva”, elaborato da Curiel e in parte da Togliatti, è stato nel tempo stravolto. In origine concepito come strumento per la creazione delle condizioni più favorevoli alla rivoluzione, è stato nel tempo trasformato in un obiettivo in sé, una presunta fase intermedia che avrebbe dovuto evolversi fino al superamento del capitalismo, introducendo progressivamente “elementi di socialismo” ed evitando la rottura rivoluzionaria con la vecchia società. La storia ha dimostrato l’infondatezza di tale concezione, confermando la validità della teoria marxista-leninista dello stato. Non solo l’Italia non si è avvicinata di un passo al socialismo, ma è diventata un paese profondamente autoritario e conservatore, dove il dominio del capitale è attuato senza mezzi termini, mentre quel suo Partito Comunista (irrimediabilmente minato dalla ‘mutazione genetica’ e dall’eurocomunismo), che proprio queste teorie propugnava, non esiste più.

In realtà, non ci sono stadi intermedi, né potranno mai esserci. Non esistono terze vie tra capitalismo e socialismo, o l’uno o l’altro. Ciò non significa che alcuni rapporti sociali ed elementi della vecchia società non sopravvivano all’interno della nuova, come avviene in qualsiasi formazione economico-sociale, ma sopravvivono in condizioni politiche diverse che li avviano all’estinzione: cessano, cioè, di essere dominanti. La diversità delle condizioni politiche consiste appunto nell’instaurazione della dittatura proletaria, cioè del dominio politico, assoluto e illimitato, della maggioranza degli sfruttati sulla minoranza di sfruttatori. Benché la trasformazione della proprietà privata in proprietà pubblica sia un momento fondamentale della transizione al socialismo, questa non sarà mai compiuta senza l’elemento politico della dittatura proletaria, con gli strumenti della pianificazione centralizzata e del controllo operaio e popolare che reca in sé. E’ proprio la questione della titolarità del potere politico che differenzia il capitalismo di stato dal socialismo.

Il capitalismo, sia pur nell’ambito delle leggi generali che ne regolano lo sviluppo, non è identico in ogni paese per grado di accumulazione, di concentrazione del capitale, di rapporto tra capitale finanziario e capitale industriale, per composizione di classe della società, per differenze nell’ordinamento giuridico, ecc. Diciamo, pertanto, che lo sviluppo diseguale è una delle leggi generali del capitalismo, quella che determina la diversità tra sistemi aventi lo stesso modo di produzione e, in un certo senso, determina anche la gerarchia piramidale tra questi. Allo stesso modo, le sue contraddizioni, generali e comuni, tra sviluppo delle forze produttive e rapporti di produzione, tra carattere sociale della produzione e appropriazione privata del prodotto, ecc., si manifestano con differente intensità e grado di maturazione in ciascun paese. Di conseguenza, ci rendiamo perfettamente conto che ogni Partito Comunista, partendo dall’analisi della situazione reale che si trova di fronte, deve adottare differenti tattiche di lotta che rispondano alle condizioni concrete in cui si trova ad operare. In questo senso, nessuno mette in discussione l’autonomia di ciascun Partito Comunista, né crede che vi siano ricette e modelli imitabili, esportabili o applicabili sempre e comunque.

Ciò che non è ammissibile per nessun Partito Comunista è la negazione della prevalenza del generale sul particolare, delle leggi generali dello sviluppo capitalistico, comuni a tutti i paesi, sulle particolarità nazionali di ciascun paese. Le prime attengono alla sostanza dei rapporti sociali reali, le seconde sono inerenti alla forma con cui questi si manifestano. Il ribaltamento di questa verità scientifica conduce all’errata conclusione che, poiché nei diversi paesi e nei diversi momenti storici le forme dello sfruttamento e della dittatura di classe si esplicano con modi e intensità diverse, esista un capitalismo “migliore” di altri e perciò emendabile con riforme e tattiche parlamentaristiche. Ciò risulta con estrema chiarezza nelle posizioni opportuniste di alcuni Partiti Comunisti che aderiscono al PSE, secondo cui il “capitalismo buono” è identificato con una “borghesia produttiva”, che fa della sua bandiera economica il keynesismo, mentre il “capitalismo cattivo” sarebbe rappresentato dal “capitalismo finanziario” che fa sue le teorie neo-liberiste, in particolare il monetarismo. Le teorie economiche citate sono forme particolari, storicamente determinate, di gestione del modo di produzione capitalistico e proprio il ribaltamento del pensiero marxista-leninista ha portato i partiti opportunisti all’errore fatale di considerarle preminenti nella determinazione della strategia: per loro è strategico passare da una forma all’altra, senza considerare l’aspetto sostanziale, cioè la necessità di superare il modo di produzione capitalistico in quanto tale, indipendentemente dalle forme in cui viene gestito, attraverso l’abbattimento del potere politico della borghesia. Questo è quanto accade quando il particolare viene fatto prevalere sul generale.

Per questo motivo, la rivendicazione dell’autonomia di questo o quel Partito Comunista in nome delle particolarità nazionali, oltretutto in un momento in cui nessuno, all’interno del Movimento Comunista, la mette in discussione, suscita in noi perplessa preoccupazione.

Rispondere stizzosamente ad eventuali critiche da parte di Partiti fratelli, emerse nel corso del legittimo dibattito interno al Movimento Comunista, trincerandosi dietro lo scudo dell’autonomia del partito e delle vie nazionali, è un comportamento preoccupante che ci riporta con la memoria agli anni dell’eurocomunismo, quando, sotto il pretesto di un’esasperata autonomia e originalità di pensiero, si smantellava la teoria rivoluzionaria, liquidandola come obsoleta o applicabile solo in condizioni immancabilmente diverse da quelle correnti, disarmando il Partito e privandolo, proprio in questo modo, della sua vera autonomia, quella ideologica e culturale nei confronti della borghesia. In realtà, l’autonomia che gli eurocomunisti perseguivano era soltanto tesa alla perpetuazione di quel gruppo dirigente revisionista e riformista che in Italia, comodamente insediatosi nelle istituzioni parlamentari borghesi, ha guidato il PCI per gli ultimi 20 anni della sua esistenza, portandolo alla dissoluzione.

In tal senso , all’interno del movimento comunista a livello internazionale, risultano incomprensibili alcune affermazioni di critica che vengono dal Portogallo (“rigettare le differenti forme di opportunismo – recusar as diferentes formas de opportunismo – sia alle espressioni di adattamento al sistema, sia nella loro variante dogmatica e settaria” (sic!).

Intanto le cosiddette espressioni di “adattamento” al sistema sono quelle che, ad esempio in Europa, hanno portato avanti il processo di snaturamento di classe, dall’eurocomunismo di ieri, al Partito della Sinistra Europea di Bertinotti e Tsipras oggi. Purtroppo con la loro ‘confusione teorica’ riescono ancora oggi ad ingannare settori di masse popolari che potrebbero esser ben diversamente orientate nella lotta contro il capitale.

Con questi opportunisti l’unico rapporto è quello della denuncia del loro carattere di collateralità al capitalismo. Ed è altrettanto chiaro che chi non ha né la capacità di analisi né il coraggio di scegliere in questa battaglia pone enormi interrogativi alla stessa causa comunista. “L’asino di Buridano” è un apologo attribuito al filosofo Giovanni Buridano: “Un asino affamato e assetato è accovacciato esattamente tra due mucchi di fieno con, vicino a ognuno, un secchio d’acqua, ma non c’è niente che lo determini ad andare da una parte piuttosto che dall’altra. Perciò, resta fermo e muore”. Questo è quello che potrà capitare ha chi non può o non vuole sceglier. Essere comunisti significa principalmente stare da una parte, dalla parte del lavoro e della classe operaia!

I recenti sviluppi della crisi capitalistica pongono al Movimento Comunista Internazionale serie questioni inerenti alla tattica. In Europa, in particolare, i Comunisti devono attuare un’accurata riflessione sulla propria politica di alleanze, sulla propria partecipazione alle istituzioni borghesi, europee e nazionali, sul coordinamento tra Partiti Comunisti e Operai con l’obiettivo di dare nuovo slancio e maggiore efficacia alla lotta contro l’UE e la NATO.

Sono tutte questioni che necessitano urgenti e ineludibili approfondimenti da parte di tutti noi. In questa sede, ci limiteremo solo ad alcune limitate considerazioni in proposito al terzo punto citato.

Il cosiddetto processo di integrazione europea, pur lasciando intatta la piramide gerarchica tra le diverse borghesie nazionali che gli hanno dato vita e confermando la legge dello sviluppo diseguale del capitalismo, ha comunque introdotto elementi di omogeneità tra i differenti sistemi nazionali, tali da richiedere una riconsiderazione del concetto di sovranità nazionale alla luce delle attuali condizioni reali. L’analisi del processo di integrazione nel conglomerato imperialista costituito dall’UE ci mostra come questo sia stato un fenomeno volontariamente, non coattivamente, posto in atto dalle borghesie nazionali dei paesi aderenti. Se questo è vero, allora non è esatto parlare di perdita di parti della sovranità nazionale. In realtà, le borghesie nazionali hanno centralizzato, non ceduto, alcune funzioni proprie dello stato nazionale, in organi sovranazionali quali la Commissione Europea, il Consiglio Europeo, ECOFIN, BCE, ecc.. Al di là di finalità puramente tecnico-gestionali, sostanzialmente questa centralizzazione è motivata da esigenze di concorrenza nell’ambito della più generale competizione inter-imperialistica, di creazione di un mercato interno più vasto di quelli nazionali e di attuazione di un più intenso sfruttamento e controllo politico di ciascuna classe operaia nazionale. Deve essere chiaro che ogni borghesia nazionale partecipa pro quota, a seconda della sua posizione nella piramide imperialista, alla spoliazione del lavoro salariato attuata con il processo d’integrazione, ma con uguale responsabilità nella creazione di tale meccanismo.

Avanzare la parola d’ordine del “ripristino della sovranità nazionale” a prescindere dal contenuto di classe che questa ha nelle date condizioni è, a nostro parere, un errore esiziale, in quanto tratta il problema astrattamente, da un punto di vista puramente formale, non tenendo conto della realtà storica, come se si trattasse di una questione di liberazione nazionale da un giogo coloniale. Abbiamo visto che non si tratta di questo, poiché la borghesia nazionale contribuisce e aderisce volontariamente al processo d’integrazione in quanto funzionale ai suoi interessi di classe nella data fase storica, mentre è negli interessi del proletariato non una semplice uscita dall’UE con il ripristino dello status quo precedente, cioè del dominio della borghesia nazionale, della valuta nazionale e di quant’altro, ma un’uscita rivoluzionaria dall’UE che abbia all’ordine del giorno l’instaurazione del potere operaio, cioè di un cambio radicale della classe dominante.

Sarebbe veramente assurdo e antistorico che il proletariato si battesse per la restaurazione di una forma di dominio borghese che la borghesia stessa ha volutamente abbandonato!

Ciò detto, sorge spontanea una domanda: se le borghesie nazionali stanno rafforzando il proprio complessivo dominio con la centralizzazione a Bruxelles di alcune funzioni in materia di politica militare-strategica, doganale, bancaria, di legislazione del lavoro, di previdenza sociale, ecc., perché il proletariato, nella sua più alta espressione organizzata, il Partito Comunista, non dovrebbe anch’esso centralizzare in un unico organo lo sforzo di omogeneizzazione politico-ideologica e di coordinamento della lotta di classe, almeno per quanto riguarda i problemi generali e comuni a tutti i paesi? Perché i Comunisti non dovrebbero organizzare una comune e coordinata risposta in termini di opposizione di classe a questa unica politica? Del resto, se nel 1943 il mutato contesto della lotta di classe a livello mondiale impose lo scioglimento della Terza Internazionale, le nuove condizioni della stessa nella fase attuale impongono l’adozione di forme di coordinamento centralizzato delle lotte e delle tattiche, sia pure in forme diverse e nella considerazione delle peculiarità della situazione in ciascun paese, ma almeno sulle questioni riconosciute come generali e comuni.

Siamo profondamente convinti che la fondazione dell’INIZIATIVA DEI PARTITI COMUNISTI ED OPERAI D’EUROPA sia il giusto passo in questa direzione e, per questo, vi abbiamo aderito con entusiasmo e motivazione. Si tratta di una ormai indispensabile forma di coordinamento tra partiti comunisti che, nei suoi motivi fondanti, esclude qualsiasi atteggiamento settario e di chiusura, ma pone un necessario discrimine tra prassi rivoluzionaria e opportunismo di qualsiasi tipo col fine, più che attuale, di arginare la diffusione di posizioni opportuniste, revisioniste e riformiste all’interno del Movimento Comunista Internazionale attraverso la creazione di un compatto polo di partiti comunisti autenticamente marxisti-leninisti, in grado di guidare con efficacia la controffensiva proletaria. Certamente, il suo funzionamento deve ancora migliorare, occorre perfezionarne i meccanismi di discussione e decisione, definire più precisamente quali porzioni di autonomia vengono centralizzate in esso, quali ne sono i poteri di vincolo verso ogni singolo partito, come attuarne efficacemente e in modo coordinato le decisioni, ma questo sarà possibile solo partecipandovi attivamente, non autoescludendosi in base alla rivendicazione di un’autonomia dei singoli partiti che, peraltro, non viene posta in discussione.

La borghesia in questa fase è vincente perché, pur a fronte di conflitti inter-imperialistici, sempre presenti a causa dello sviluppo diseguale del capitalismo, si schiera sul fronte della lotta di classe in modo sostanzialmente compatto e univoco, pur con approcci differenti nella forma a seconda dei diversi rapporti di forza in ogni singolo paese. Il proletariato, se vuole vincere, deve schierarsi in modo altrettanto coeso di fronte al nemico di classe.

di Marco Rizzo, Segretario Generale del Partito Comunista in Italia.

Fonte: Critica Proletaria

Intervenções e moções de solidariedade no 17º EIPCO

17IMCWP-logo

Lista de participantes no 17º EIPCO

17 IMCWP, Opening Speech by CP, Turkey [En]

17 IMCWP, Contribution of Algerian Party for Democracy and Socialism, PADS [En, Fr, Ar]
17 IMCWP, Contibution of CP of Azerbaijan [En, Ru]
17 IMCWP, Contribution of Brazilian CP [En, Es, Pt]
17 IMCWP, Contribution of the CP of Brazil [En]
17 IMCWP, Contribution of CP of Britain [En]
17 IMCWP, Contribution of CP of Canada [En]
17 IMCWP, Contribution of SWP of Croatia [En]
17 IMCWP, Contribution of CP of Cuba [En, Es]
17 IMCWP, Contribution of CP of Bohemia and Moravia [Ru, En]
17 IMCWP, Contribution of CP in Denmark [En]
17 IMCWP, Contribution of CP of Denmark [En]
17 IMCWP, Contribution of CP of Macedonia [En]
17 IMCWP, Contribution of German CP [En, De]
17 IMCWP, Contribution of CP of Greece [En, Ru, Es, Ar, Pt, Sq, Fr]
17 IMCWP, Contribution of Hungarian WP [En, Ru]
17 IMCWP, Contribution of CP of Kazakhstan [Ru] solidnet
17 IMCWP, Contribution of CP of Kurdistan-Iraq [Ar]
17 IMCWP, Contribution of Lebanese CP [En, Ar]
17 IMCWP, Contribution of CP of Malta [En]
17 IMCWP, Contribution of CP of Norway [En]
17 IMCWP, Contribution of Palestinian CP [En, Ar]
17 IMCWP, 17 IMCWP, Contribution of Portuguese CP [En, Pt]
17 IMCWP, Contribution of Russian CWP [En, Ru, Ar] solidnet
17 IMCWP, Contribution of CP of the Russian Federation [En, Ru]
17 IMCWP, Contribution of the Party of Communists in Serbia [En]
17 IMCWP, Contribution of South African CP [En]
17 IMCWP, Contribution of CP of the Peoples of Spain [En, Es]
17 IMCWP, Contribution of CP of Sri Lanka [En]
17 IMCWP, Contribution of CP of Sweden [En]
17 IMCWP, Contribution of CP of Tadjikistan [Ru]
17 IMCWP, Contribution of CP of Ukraine [Ru]

17 IMCWP, Contribution of CP of Luxembourg [En]
17 IMCWP, Written Contribution of the Phillipines Communist Party [PKP-1930] [En]
17 IMCWP, Written Contribution of NCP of Yugoslavia [En]
17 IMCWP, Written Contribution of CP USA [En]
Last Updated on Wednesday, 09 December 2015 13:46

Fonte: Solidnet

Solidarity motion on the ban of the Communist Party of Kazakhstan [En, Ru]
Solidarity Motion On the dangerous situation in the Eastern Mediterranean [En, Ru, Es, Ar]
Support for Boycotts, Divestment and Sanctions against Israel [En]
Statement in solidarity with the struggle of the Palestinian people against the Israeli Occupation for a just peace [En]
Stand against reactionary forces and imperialism We salute the patriotic people of Syria [En]
Solidarity with the struggle of Communists of Ukraine [En]
Solidarity Statement with the people of Cyprus by parties participating in the 17th International Meeting of Communist and Workers’ Parties[En]
Solidarity with the struggle of The Lebanese people and its progressive democratic union movement and grass roots movement [En, Ar]

Fonte: Solidnet

Lista de participantes no 17º EIPCO

1. Algerian Party for Democracy and Socialism

2. Communist Party of Argentina

3. Communist Party of Azerbaijan

4. Workers’ Party of Bangladesh

5. Workers’ Party of Belgium

6. Brazilian Communist Party

7. Communist Party of Brazil

8. Communist Party of Britain

9. Communist Party of Bulgaria

10. Communist Party of Canada

11. Communist Party of China

12. Socialist Workers’ Party of Croatia

13. Communist Party of Cuba

14. AKEL, Cyprus

15. Communist Party of Bohemia and Moravia

16. Communist Party in Denmark

17. Communist Party of Denmark

18. Communist Party Finland

19. French Communist Party

20. Communist Party of Macedonia

21. Unified Communist Party of Georgia

22. German Communist Party

23. Communist Party of Greece

24. Hungarian Workers’ Party

25. Communist Party of India

26. Communist Party of India (M)

27. TUDEH Party of Iran

28. Iraqi Communist Party

29. Communist Party of Kurdistan-Iraq

30. Communist Party of Ireland

31. Workers’ Party of Ireland

32. Communist Party of Israel

33. Communist Party of Kazakhistan

34. Lao Peoples’ Revolutionary Party (Laos)

35. Lebanese Communist Party

36. Socialist Peoples’ Front (Lithuania)

37. Communist Party of Malta

38. Communist Party of Mexico

39. New Communist Party of Netherlands

40. Communist Party of Norway

41. Palestinian Communist Party

42. Palestinian Peoples’ Party

43. Portuguese Communist Party

44. Communist Party of the Russian Federation

45. Russian Communist Workers’ Party

46. Communist Party of Soviet Union

47. Communists of Serbia

48. South African Communist Party

49. Communist Party of Spain

50. Communist Party of People of Spain

51. Communist Party of Sri-Lanka

52. Sudanese Communist Party

53. Communist Party of Sweden

54. Syrian Communist Party

55. Communist Party, Turkey

56. Communist Party of Ukraine

57. Union of Communists of Ukraine

58. Communist Party of Vietnam


Written Contributions by

1. Communist Party of Luxembourg

2. Phillipines Communist Party [PKP-1930]

2. New Communist Party of Yugoslavia

3. Communist Party of Tadjikistan

4. Communist Party of Venezuela

5. Communist Party USA

Last Updated on Wednesday, 25 November 2015 16:19

Fonte: Solidnet

17 IMCWP, Contribution of CP of Macedonia [En]

COMMUNIST-PARTY-OF-MACEDONIA

Dear Comrades,

On behalf of the Central Committee of the CPM, its members and in my personal name, we would like to express our gratitude to Communist Party of Turkey for their invitation to participate on the 17th International Congress. At the same time we would like to express our support in their struggle against the world’s largest evil capitalism – imperialism.

In order to speak and write on this subject should be make an introduction for capitalist exploitation, imperialist wars and fascism, class struggles, through the analysis of the early class struggle, its pioneer occurring since the time of the French Revolution and later Rosa Luxembourg and Karl Liebknecht representatives of German Communist Party. Of course here we must not ignore either like – minded participants in the October Revolution in Russia led by Lenin and chain appear of this class struggle. Proletarian struggle and internationalism of the occurrence of the October Revolution transmit chain spontaneous organized revolts in Cuba, Spain, Mexico, Austria-Hungary and the area of the former Yugoslavia with the sole purpose of releasing the worker, the villager, and the soldier from the yoke of the defenders of the bourgeoisie. The October Revolution undoubtedly contributes to the world proletariat rise to their feet in a struggle for their rights. Оnly like this, learning through Luxembourg – Lenin can understand that the proletarian struggle can succeed when run in continuity throughout the world to the ultimate victory, through unselfish internationalism, ie anywhere and always helping struggles against imperialism and bourgeois nationalism.

Imperialism as a world domination of the stronger over the weaker more precisely colonial domination of economic, cultural and territorial relations represents the greatest evil for the proletarian world. Of course it must be noted here that the United States is considered to be the main carrier of imperialism, but must not omit the fact that in conjunction with the United States is the entire Western capitalist bloc. As a conclusion of all this should be taken for example the Libyan War where the leading role had the U.S. But here must not be forgotten and the role in the operation that had the British, the French military and other militaries.

Imperialism is considered the highest stage of capitalism and everyday we see hour by hour, day by day, year by year, increasing its influence around the world through the so-called “Peaceful democratic way”, and those countries which will oppose and resist, they will be militarily defeated as so-called “non-democratic regimes “.

But imperialism must not unilaterally accepted as a historical phenomenon from the point that wars were before, but these wars, these subjugation are precisely defined from the aspect of economic dominance, ie exploitation by imperialist powers through the utilization of energy resources, mineral wealth,a cheap labor force, etc. Also we must not think that these appear have come accidentally. Also we must not believe that these appear come accidentally. A hundred years ago for such complex phenomena spoke mentioned Rosa Luxemburg, Karl Liebknecht, Lenin, the English liberal John hops in the book Imperialism 1902. These analysts complement Marx’s learning because in the 19th century the industrialization was at lower stage, more precisely at that time dominated small and medium-sized companies that competed locally. However Marx predicted that the time will come to the concentration and centralization of capital, which is true and at the same time this has been confirmed already in the early 20th century by his students, mentioned in the text. Capital accumulation creates large corporations that centralize thewhole flow of capital, is not very longtime ago, we remember in our ordinary daily necessities we were going to the neighborhood stores, but now are different, eg. Trade is concentrated in large commercial chains so that small colonial are closed and people remains without their jobs. All economic flows flowing concentrated by big concerts and they are increasingly, but also on the other hand, the same capital is concentrated in a smaller number of heavy billionaire capitalists. All that imperialism has applied through its mechanisms, for and about world domination, the same was applied, and after the collapse of the socialist bloc in Europe and in the Balkans. Since the beginning of the 90s of the last century, world imperialism through various domestic counter revolutionists managed to broke down the socialist countries, turning them into “liberal” economies. “Good positive imperialists”, disassemble the socialist system and created a mechanism for global exploitation as financial and raw and intellectual good. Off record data about the exhaustion of the good from tormented socialist – European bloc with Russia for a period of 20 years reaches astounding 10 – 15,000 billion by the imperialist financial and industrial trusts. Almost all state banks on the territory of Eastern Europe overnight became owned by foreign capitalists. Through the false doctrine that with passing into private property and liberal Monetarism, the finances and economy will experience such growth so that the people from the post-socialist countries would be delighted. But instead of false promise that was given, that average pay – pension will be about a thousand euro’s over seven hundred euro’s, that will increase the number of new jobs, on the territory of Eastern Europe, happened the opposite. Millions of people were left on the street, and the pensioners not to mention, they barely survive every day. But despite the economic dependence, the SEE countries have also become depends military and political and not having opportunities to develop their own defense Forces were drawn by imperialism in military alliances – pacts (e.g. NATO pact). Through mechanisms for identical logistics arming and buying these dependent countries (the arming from the capitalist market), occurred completely pumping of financial goods which were negative. To be sure and under control, the imperialist interests install and NATO bases in the different regions of Europe and the world and thereby they gain the entire control in regions i.e. Eastern bloc countries. To be safe from any appearance of dissatisfaction, the western imperialism through its installed mechanisms (such as. International courts, etc.), are making pressure i.e. suspend any possibility for expressing any dissatisfaction. Having in their own hands the world’s largest information funds, they sell unseen propagandas, fake frauds, fakes truths, etc.

Such imperialism has used its biggest joker in the conquest of world domination, and it is a social-democratic so-called Left, taking advantage as a modern European “Left” to mitigate the proletarian labor protests and movements Those same social democrats are making single entries into the rows of the communist parties, for in certain times of crisis to soften the sharpness of class antagonisms between monopoly capital and the employee. The same put in coupling ​​and union leadership, and act through them in the area of mitigating their reactions, i.e. through empty verbalism as supposedly they are on the side of the worker.

From the above and looking at the current exposure situation arising following conclusions:

More and more capitalists – imperialists constrict the hoops for greater exploitation of small countries and their working man. Events are not random as in parts of Asia, Africa, South America, Middle East, etc. All these events encourage the need to strengthen the communist and workers’ parties and movements, if it is considered that the experience of the Communists is a need for protecting such employee and labor rights as well as the defense of the countries of internal contradictions and external influences to those countries. I personally believe that from the regularity of the communist ideology as the “vanguard” of the working class must not deviate. This observation brings the world to two theses such as follows:
– The first is capitalist and imperialist world, where most of the globe is in total exploitative situation with usurped democracy and shortened workers’ and people’s rights.

– Second – the path of liberation from bondage of imperialism – the road of freedom with all the rights to equality of nations and countries around the world, the road to Socialism, the only way for freedom of the worker.

Must come to the breakdown of capitalism and thereby to end the exploitation of man by man. In this time when is absolutely obvious that capitalism has no solution for employee and labor rights it is necessary massive grouping of communist and workers’ movements at national, regional and international level with mutual cooperation of each other in the creation of a comprehensive wide anti-imperialist front. The ideological struggle of the communist movement is of vital importance for the defense of socialism. The demolition of capitalism and the construction of socialism are imperative for the working man. Only socialism and socialist movements can contribute to reduce and exterminate the wars, the emergence of nationalism, unemployment, hunger and misery. All communist and labor forces in the world to mobilize to win over the undecided masses in their ranks to battle until the final victory of the world’s largest evil capitalism – imperialism. The future of the common man, the worker in the world, belongs to socialism – communism.

Down with capitalism – imperialism

Long live socialism – communism

Communist Party of Macedonia

General Secretary

Pero Odzaklieski

Fonte: Solidnet